SIAMO CIRCONDATI: NON CI ARRENDEREMO

SIAMO CIRCONDATI: NON CI ARRENDEREMO

CONDIVIDI SUI SOCIAL!

Di Luca Massimo Climati

Tutti gli spazi sono occupati da un governo di maggiordomi ad una finta opposizione che sventola drappi utili soltanto al governo per spargere divisione, paure e menopeggismo…e noi paghiamo ed intanto i soliti noti e sospetti…torneranno a fare affari su un deserto di aziende in fallimento e milioni di disoccupati.

Evidentemente le catene sono diventate qualcosa da non perdere…

Tutti gli altri DIVISI ed NON INFLUENTI…continuano nel sub delirio elettoralistico o alla ricerca della pietra filosofale del riot…ED ANCHE SE ORA IL MORBO NON INFURIA…ED IL PAN NON CI MANCA…NON SVENTOLEREMO…BANDIERA BIANCA…

Per prima cosa dobbiamo rigettare tre aspetti:

La convinzione di vivere avvenimenti inediti, anche se in forma diversa, la rassegnazione e la nevrosi consumista di avere subito la soluzione del problema o affidandoci a nuovi ed inattendibili ” salvatori della patria”.

Non è nuovo l’atteggiamento anti-patriottico delle classi dirigenti, una piccola borghesia bipolare ma volta all’abbraccio dell’apparente vincitore.

Non è la prima volta che tutto vada apposto ma niente sia veramente in ordine.

Un sovranismo elitario ha avuto almeno 12 anni per cercare di sedimentare tra le masse almeno uno straccio di EGEMONIA, ma ha fallito.

Il movimento dei Lavoratori costruito da giganti come Di Vittorio ha perso la sua funzione dirompente e democratica e la sinistra è mutata dalla sua funzione preminente di rappresentare INTERESSE GENERALE e CONFLITTO DI CLASSE COSTRUTTIVO.

Restano solo delle insegne, da una parte e l’altra, brandite ed in tumulto, come la terra…quando a turno spira.

E colonne di ignavi corrono senza senso in una continua ammuina elettorale…chi viene eletto si da pace…mentre il precario o chi lavora a rischio…giace.

No, non esiste pasticca o supposta che possa cambiare le cose e ci vuole tempo.

50 anni e passa sono passati e nessuno SI È FERMATO PER POTERE ANDARE AVANTI RIFONDANDO TUTTO E CON UN NUOVO PENSIERO FORTE.

Ancora una volta e per davvero DOBBIAMO DIFENDERE E PARTIRE DALLA COSTITUZIONE E DAI SUOI ARTICOLI SULLA DIGNITÀ DEL LAVORO.

PRIORITARIO PARTIRE DALLA QUALITÀ E NON DALLA QUANTITÀ.

Oggi si fa presto a dire intellettuali o desiderare “pensatoi”.

Quando va bene ti capita qualcuno a gettone, oppure chi aspira ad uno scranno parlamentare col voto di gente che sarà ancora tradita.

Ma la maggioranza di questi soggetti resta in un permanente limbo e simula la realtà.

No, non servono a nulla, come non serve a nulla chi non ha fiato e non si impegna duramente ed in maniera disinteressata.

Abbiamo invece bisogno di quella maggioranza SILENZIOSA E LABORIOSA DI BRAVI ITALIANI…nei campi, nelle officine, negli uffici o in casa: donne e uomini SERI NON BUFFONI E PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE.

NON ARRENDIAMOCI E PROVIAMO A FARNE PROTAGONISTI POLITICI CON PAZIENZA INFINITA ED UNA PIATTAFORMA CREDIBILE.

CONDIVIDI SUI SOCIAL!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

shares